Kangaroo Mother Care: come implementarlo

Kangaroo Mother Care: come implementarlo

Kangaroo Mother Care: come implementarlo

La KMC implica il contatto pelle a pelle del neonato in posizione raccolta contro il petto della mamma o anche del papà, avvolto in una fascia contenitiva. i benefici di questa terapia sono proporzionali alle ore effettuate.

L’OMS raccomanda l’uso della  KMC nei reparti di terapia intensiva neonatale e in particolare l’applicazione del modello continuo, cioè 24 ore su 24. i neonati prematuri tendono a destabilizzarsi facilmente  e la kmc, oltre a favorire la stabilizzazione dei sistemi cardiaco, respiratorio e termico del bambino, quando effettuata  in modo continuo minimizza l’esperienza disturbante di essere spostato dal contatto con la mamma alla culla e viceversa.

nei reparti ospedalieri di terapia intensiva neonatale, Tuttavia, quasi mai la kmc si mette in atto in modo ininterrotto, essendo in genere effettuata per una o due ore per volta. 

il pregio di questo studio, effettuato in un ospedale di terzo livello di Tabriz (Iran), È quello di descrivere il processo di cambiamento dei protocolli di applicazione della KMC passo per passo, attraverso un progetto di ricerca che ha coinvolto in modo attivo tutto il personale del reparto, motivandolo e formandolo opportunamente. 

 in una prima fase, attraverso una progettualità condivisa, è stato programmata l’introduzione della KMC continua, provvedendo anche le necessarie attrezzature e cambiamenti logistici nonché la formazione del personale.  successivamente durante l’attuazione della KMC sono stati implementati i meccanismi di valutazione e registrazione dei progressi di attuazione di questa pratica.

 Nella seconda fase si è messo in atto un rilevamento dell’efficacia di tale pratica non solo riguardo al benessere immediato del prematuro, ma anche in relazione alla durata del tempo di ricovero e alla durata dell’allattamento materno nei mesi successivi.

la  KMC continua si è rivelata efficace nel ridurre i tempi di ospedalizzazione e prolungare la durata dell’allattamento; Inoltre la sua implementazione sotto forma di progetto di ricerca ha consentito  una maggiore motivazione del personale e  gettato le basi per un approccio fondato sulla cooperazione e partecipazione attiva. 

La versione integrale(in inglese) dello studio può essere letto qui

5 ottobre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *