Perché è sconsigliato introdurre precocemente i cibi solidi?

Perché è sconsigliato introdurre precocemente i cibi solidi?

Perché è sconsigliato introdurre precocemente i cibi solidi?

Spesso si consigliano i genitori di iniziare a dare cibi solidi ai loro figli appena superato il 4° mese; ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di cominciare non prima dell’inizio del settimo mese. Le ragioni sono varie, e fra queste in particolare due elementi di rischio sono legati a un’introduzione troppo precoce dei cibi solidi:

1) reazioni avverse ai cibi causate da allergie o da immaturità del sistema digerente del bambino piccolo, nonché rischi di soffocamento causati dallo scarso tono muscolare del collo e del tronco del bambino che quindi sta “insaccato” mentre mangia;

2) declino precoce dell’allattamento al seno: dagli studi si è visto che l’allattamento declinava in fretta se i cibi solidi erano introdotti prima dei sei mesi, ma se venivano introdotti dopo, non c’era questo effetto e l’allattamento continuava come prima. Questo anche se le quantità di cibo solido introdotto erano uguali e l’allattamento continuava a richiesta come prima. Come mai allora? Il motivo è che nei bambini piccoli, ancora incapaci di masticare, le pappe spesso vengono date col biberon coi buchi grossi… ed ecco che parte del bisogno di suzione comincia a venire soddisfatto al biberon! L’elemento interferente non sono i cibi, ma il ciucciare una tettarella. IL bambino più grande invece può masticare e quindi conserva l’interesse per il seno non solo per assumere latte ma anche per soddisfare il suo bisogno di suzione, mantenendo così alta la produzione di latte.

Torna alle FAQ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *