Si possono fare accertamenti diagnostici se si allatta?

Si possono fare accertamenti diagnostici se si allatta?

Si possono fare accertamenti diagnostici se si allatta?

Gli accertamenti diagnostici, per la maggior parte, non sono di impedimento all’allattamento né costituiscono una controindicazione, nel senso di mettere a rischio la lattazione o la salute del bambino “guastando” il latte. 

Ecografie, radiografie, mammografie, e altri accertamenti come TAC o risonanza magnetica di per sé non alterano il latte, né danneggiano in qualche modo il processo della lattazione.

In genere anche nel caso di accertamenti con mezzi di contrasto le sostanze sono innocue e poco persistenti e, nel caso dei rari mezzi di contrasto che possano sollevare dubbi, esistono valide alternative sicure.

Fanno eccezione i soli accertamenti con radioisotopi, come la scintigrafia, per i quali occorre sospendere l’allattamento (il latte andrà tirato per prevenire ingorghi e mantenere la lattazione, e gettato via per un certo periodo, variabile a seconda della persistenza del mezzo di contrasto usato – alcuni si smaltiscono più lentamente di altri). Una volta passato il periodo di smaltimento della sostanza l’allattamento potrà essere ripreso.

In alcuni casi di accertamenti riguardanti la mammella (mammografia, ecografia) può succedere che l’operatore affermi che non possono essere svolti durante l’allattamento e quindi richieda di svezzare. Questa affermazione di per sé non è esatta e, dato che l’allattamento può durare anni e che comunque occorrono almeno due mesi, dall’interruzione definitiva delle poppate, perché la mammella completi il processo di involuzione, può essere un approccio molto pericoloso che porta a rimandare accertamenti che invece vanno fatti senza aspettare.

La mammella in lattazione può essere più difficile da “leggere” correttamente, ma questo dipende dall’esperienza e abilità del medico; quindi la madre che allatta può orientarsi verso un centro diagnostico nel quale si abbia maggiore dimestichezza con la fisiologia della lattazione. Comunque, allattare il bambino immediatamente prima della mammografia può minimizzare questi inconvenienti.

Per una trattazione più completa di questi aspetti, ecco alcune indicazioni del MInistero della Salute. 

Torna alle FAQ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *