L’importanza del contatto pelle a pelle

L’importanza del contatto pelle a pelle

L'importanza del contatto pelle a pelle

È già noto da numerosi studi come il contatto pelle a pelle immediato dopo la nascita sia cruciale per l’instaurarsi del legame fra madre e neonato, favorisca il senso di competenza materno, renda efficace la prima poppata al seno e in generale favorisca il benessere di mamma e bambino.

Una revisione degli studi Cochrane relativi all’effetto del pelle a pelle precoce ha confermato questi aspetti, e rilevato che le madri che hanno potuto beneficiare di questa esperienza sono dimesse con una proporzione maggiore di allattamenti esclusivi. Inoltre i loro allattamenti proseguono ancora in maggior percentuale, rispetto alle donne che non hanno avuto questa esperienza, a uno e sei mesi dopo il parto. La prima poppata, qualora avvenga durante il pelle a pelle nella prima ora dopo il parto, risulta più efficace e il loro sistema respiratorio, addosso alla mamma nei minuti dopo la nascita, si stabilizza con maggior prontezza. Il cesareo o la prematurità non sono ostacoli al contatto pelle a pelle, che anzi mostra i suoi benefici effetti in misura ancora maggiore proprio in questi bambini, che ne hanno bisogno più di altri.

Le ricerche mostrano anche che non è tanto la durata del pelle a pelle, ma la pratica in sé, a portare questi benefici. Per questo motivo, tale contatto dopo il parto dovrebbe essere promosso in tutti i reparti di maternità, tanto fra i bambini nati a termine quanto in quelli con problematiche che non richiedano un immediato intervento medico.

Un abstract (in inglese) dello studio può essere letto qui.

27 luglio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *