allattamento come prevenzione dell’anemia

allattamento come prevenzione dell’anemia

Allattamento come prevenzione dell'anemia

I tre fattori che contribuiscono al bilancio del ferro sono le scorte alla nascita, il ferro assimilato e le perdite di ferro. Esaurite le scorte verso la fine del primo semestre di vita, i fattori cruciali per la prevenzione dell’anemia sono un valido apporto di ferro e la sua efficace assimilazione da un lato, e la prevenzione delle perdite di ferro, che possono essere causate  in primo luogo dal sanguinamento intestinale. Quest’ultimo è una conseguenza di processi infiammatori, il che identifica come cruciale la scelta degli alimenti diversi dal latte materno, evitando nei primi mesi quelli che possono causare reazioni di intolleranza. È il caso del latte vaccino non formulato, de quale numerosi studi hanno mostrato le conseguenze in caso di introduzione precoce. Una ricerca effettuata su bambini di 5-6 mesi mostra che l’aumento di sangue occulto nelle feci, in seguito alla somministrazione di latte vaccino, è stato clamoroso, infatti si è decuplicato rispetto al gruppo di controllo; ma gli studi mostrano anche che questa reazione si attenua con la crescita del bambino; ad esempio una seconda ricerca, effettuata su bambini di 9 mesi circa, è “soltanto” raddoppiata rispetto al gruppo di controllo. Lo studio di Rodrigues Fernandes, infine, è di interesse perché ha messo a confronto, a differenza dei precedenti, due gruppi di bambini esposti entrambe al latte vaccino, ma di cui uno solo continuava ad essere alimentato anche con latte materno. Questa ricerca mostra che il latte vaccino sembra incidere maggiormente sullo stato del ferro, cioè causare carenza, nei bambini non allattati al seno; i bambini allattati al seno infatti, nonostante abbiano ugualmente, in una certa proporzione, perdita di sangue nelle feci quando ricevono latte vaccino, sembrano compensare meglio la carenza perché assorbono probabilmente meglio il ferro che introducono con il latte materno e i cibi solidi.

Un abstract (in inglese) dello studio può essere letto qui.

12 luglio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *