Allattare dopo un cesareo

Allattare dopo un cesareo

Allattare dopo un cesareo

Una donna cesarizzata può avere maggiori difficoltà ad allattare; ma queste non dipendono dall’intervento chirurgico in sé, bensì dai vari ostacoli che si frappongono fra lei e il bambino.

Infatti la donna e il bambino possono venire separati per un periodo più lungo di tempo; a volte il personale del reparto di maternità pensa, con le migliori intenzioni, che sia prima di tutto importante far dormire la puerpera e non svegliarla, e solo raramente si trova tempo appropriato per portarle il bambino ad allattare. Ci possono essere remore anche legate al timore che i farmaci ricevuti interferiscano con l’allattamento.

Quale che sia la causa, generalmente non ci sono reali motivi per differire l’allattamento, c’è solo bisogno di maggiore assistenza perché mamma e bambino possano farlo confortevolmente, nonostante l’avvenuto intervento chirurgico.

Un altro ostacolo ad allattare per chi ha subito un cesareo sono le flebo al braccio o al polso, che riducono la mobilità materna rendendole complicato tirar su il bambino dalla culletta, tenerlo al seno evitando di intralciare con le flebo o di far pesare il bambino o i suoi calcetti sulla cicatrice addominale.

Proprio per questo, trovare posizioni che siano praticabili per queste madri risulta di fondamentale importanza.

Uno studio conferma che la comodità è un diritto sacrosanto di mamme e neonati e che spiegare alle madri posizioni alternative e aiutarle nelle prime poppate sono strategie vincenti che possono ribaltare positivamente le sorti di un allattamento in difficoltà.

La posizione distesa su un fianco, mamma e bambino che si fronteggiano, ben sostenuti da cuscini dietro la schiena (e nel caso materno, anche dietro le spalle) può essere una svolta nell’avvio dell’allattamento.

La posizione semireclinata è una posizione che si basa sulla mamma semidistesa a letto, e il bambino che giace prono su di lei. In questa posizione, il bambino attiva tutti i riflessi innati che gli permettono di cercare e trovare il seno e attaccarsi autonomamente e nel migliore dei modi.

In poche parole, per allattare bene bisogna stare comodi! Ma davvero serviva uno studio randomizzato e controllato per provarlo?

Un abstract (in inglese) dello studio può essere letto qui.

12 gennaio 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *